Al gay pride di Praga hanno fatto la loro apparizione: i satanisti cechi, sostenitori dei “diritti” LGBT. La manifestazione dei satanisti si è svolta giovedì scorso e sabato si sono uniti al gay pride di Praga.

Il cartellone arcobaleno tenuto dagli attivisti informa che la comunità di Satana sostiene gli LGBT. Vicino ad un tavolo informativo, alcuni ragazzi tenevano in mano un cartello con una stella a cinque punte su uno sfondo arcobaleno. Sempre sul tavolo, alcuni moduli di iscrizione alla comunità ed un documento con le “costituzioni di Satana”.

Jakub Jahl, entusiasta, parlava con tutti quelli che assistevano all’ evento.

“Siamo satanisti liberali, siamo venuti a sostenere la comunità LGBT prima del gay pride”, dice il giovane, ex studente di teologia.

Il satanista spiega che la sua organizzazione è attiva da circa un anno e mezzo e conta circa 500 membri. Si tratta della filiale ceca della Chiesa di Satana, ufficialmente riconosciuta negli Stati Uniti.

“Riteniamo che ognuno debba avere le stesse possibilità indipendentemente dal sesso e dall’orientamento. Per questo sosteniamo il matrimonio di due adulti (di qualsiasi sesso e orientamento, ndr)”, afferma Jakub Jahl.

Secondo la comunità di Satana, la manifestazione non perderà importanza quando due adulti di qualsiasi orientamento potranno sposarsi e quando per cambiare sesso sarà sufficiente compilare un modulo.

“Diamo anche un segnale agli altri paesi, come la Polonia o l’Ungheria”, dice Jahl, che durante il suo intervento a più riprese si esprime con toni critici (guarda caso) nei confronti del Cattolicesimo.

Il fatto che i satanisti abbiano a cuore i diritti LGBT è qualcosa presente già da tempo: ad esempio nel 2014, intervistato dal Metro Times, il fondatore della setta Lucien Greaves, confessò che “una delle cose che ci stanno più a cuore sono i diritti gay” e che “per noi il matrimonio è un sacramento. Lo riconosciamo e pensiamo che lo Stato debba riconoscere il matrimonio sulla base della libertà religiosa”.

E infatti sono molte le cerimonie omosessualiste che scimmiottano il matrimonio con un satanista munito di corna a celebrarle. 

Ma cosa c’entrano i satanisti con i “diritti” LGBT? E’ chiaro: Satana odia l’uomo e vuole distruggerlo ( i seguaci sono anche  promotori e sostenitori dell’aborto), realizzando una nuova creazione, un nuovo “uomo” che non sia più sicuro di niente, neanche del proprio sesso biologico.