Anche il comune di Sesto San Giovanni in provincia di Milano avrà il suo Sportello LGBT, aperto ogni primo e terzo giovedì del mese, rivolto ai ragazzi e alle ragazze dall’orientamento sessuale confuso. “Qui – si legge nella nuova scheda informativa presente sul portale del cittadino del comunepuoi parlare di te senza pregiudizi, fare domande e raccontare se stai vivendo episodi di discriminazione. Trovi anche informazioni sui servizi sociali, sul sostegno psicologico e sui servizi di counseling attivi in città”.

L’inaugurazione si svolgerà giovedì 13 aprile alle 15.30 insieme all’associazione promotrice del progetto GayMinOut, presso lo spazio Informagiovani di via Marconi 8.

Il programma dell’evento di inaugurazione come si legge sempre sul sito prevede:

  • presentazione dello sportello
  • musica diffusa
  • set fotografico outdoor: i passanti possono farsi ritrarre mentre mostrano alcuni cartelli con frasi contro l’omotransfobia
  • spettacolo di giocoleria

CENTRI DI SUPPORTO O PROPAGANDA ?

Spuntano come funghi, in tutta Italia, gli sportelli LGBT che presentati come lodevoli servizi di assistenza sociale e sostegno psicologico ai giovani in difficoltà, non sono altro che degli ideologici centri di propaganda e normalizzazione omosessuale, promossi e gestiti dalle stesse associazioni gay territoriali grazie al generoso e politically correct supporto delle istituzioni locali.