La “Commissione per i diritti della donna e l’uguaglianza di genere del Parlamento Europeo” (FEMM) ha adottato una relazione intitolata “Relazione sul potenziamento delle ragazze attraverso l’istruzione nell’UE”, attraverso la quale cerca di imporre un modello educativo ideologico ispirata alla teoria del gender a tutti gli Stati Membri, a prescindere del loro sistema interno.

Il rapporto, elaborato dal deputato socialista Liliana Rodrigues, è stato approvato in Commissione con 21 voti favorevoli e 9 contrari. Tale testo che, all’apparenza, si propone di “garantire la qualità e il conferimento del potere alle ragazze attraverso l’istruzione”, nella realtà promuove l’educazione sessuale fin dalle scuole elementari e invita a “combattere la discriminazione basata sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere”.

I commenti sono chiusi.