Tante  sono le donne costrette ad abortire per motivi economici o perché sono state abbandonate dal compagno o perché hanno altri figli. Inoltre l’aborto espone le donne a possibili gravi rischi per la loro salute fisica e psichica, aspetto che i sostenitori dell’aborto spesso non dicono nonostante si dichiarino difensori delle donne.

Importante, quindi,  è la Mozione presentata dall’Assessore al Bilancio Giovanna Prati a sostegno della vita nascente approvata dal consiglio comunale di Iseo: si tratta di un aiuto mensile alle donne con gravidanze difficili che scelgono di non abortire, è previsto anche un finanziamento a progetti e associazioni che aiutano la vita nascente come i Centri di aiuto alla vita (Cav) e i Movimenti per la vita (Mpv).

Sarebbe bello che questo esempio fosse conosciuto e seguito da altri comuni così da arrivare ad approvare una legge nazionale che protegga non solo la vita nascente ma anche quella delle donne, essendo l’una dipendente dall’altra!