La città di Madrid si prepara a diventare per una settimana la capitale LGBT+ del mondo. Dal 23 giugno al 2 luglio le vie della capitala spagnola saranno infatti protagoniste del World Pride, il mega raduno gay mondiale, che secondo le generose stime degli organizzatori farà confluire in città circa 2 milioni di manifestanti.

In vista della sfilata del “Orgullo Gay”, il sindaco di Madrid Manuela Carmena, eletta con Podemos, ha dato mandato di modificare i semafori cittadini in “versione gay” attraverso speciali sagome LGBT+ formate da coppie di donne o di uomini addobbate con un cuoricino.

Che dire….semaforo verde, anzi “arcobaleno”, per lo sfrecciante bolide della “normalizzazione” di ogni devianza sessuale.

Ti è piaciuto questo articolo ?