Valentina Petrillo è un atleta transgender ipovedente a causa di una malattia incurabile, fino al 2018 si chiamava Fabrizio e aveva conquistato vari titoli nella sua categoria paraolimpica, era sposato ed aveva un figlio. La sua storia ora diventerà un film: sarà presentata come un esempio di liberta’. A Fanpage.it  egli stesso afferma :” Aver rotto certi schemi nel mondo dello sport è la cosa più forte che ho fatto”.

Raconta così il suo percorso di transizione appena un anno dopo il suo matrimonio: “Per prima cosa l’ho detto a mia moglie, quando lei non c’era indossavo i suoi vestiti e mi truccavo. Ma stavo male”.

Di suo figlio Petrillo afferma:”Sta vedendo i miei cambiamenti, mi fa moltissime domande e continua a chiamarmi papi…. ha visto trasformare il suo papi in una donna e per adesso lo vedo tranquillo”.

Chissà cosa penserà suo figlio quando sarà grande e chissà cosa pensano ora le atlete della categoria per il netto svantaggio fisico in cui si trovano a competere  con lui.