“Le persone Lgbt sono prima di tutto persone, e in quanto tali con gli stessi diritti di tutela della salute e di benessere che si riconoscono alle persone eterosessuali”. Questa la frase con cui si apre il quaderno “Oltre gli stereotipi di genere – verso nuove relazioni di diagnosi e cura” destinato ai professionisti della salute voluto da Annalisa Felletti, assessora alle Pari Opportunità del Comune di Ferrara.

iniziativa congiunta

La pubblicazione del documento arriva al termine di un anno di lavoro che ha visto la collaborazione di diversi soggetti tra cui l’azienda Usl, l’azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, del Comune e del Centro Donna Giustizia, nonché ovviamente le sempre presenti associazioni LGBT+ del territorio: Circomassimo, Arcigay, Arcilesbica, Famiglie Arcobaleno e Agedo. Oltre a loro la pubblicazione ha potuto contare anche sul sostegno dell’Ateneo cittadino e i patrocini della Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna e dei sindacati confederali Cgil e Uil.

Con la scusa di attenersi a direttive di organizzazioni mediche internazionali circa “la tutela della salute come diritto dell’individuo e interesse della collettività” le indicazioni espresse nel quaderno hanno il chiaro obiettivo di “normalizzare” il comportamento omosex, mettendo sullo stesso identico piano eterosessualità e omosessualità, normalità e devianza.

DOCUMENTO IDEOLOGICO

In questa prospettiva, il nuovo documento sanitario è un vero e proprio documento ideologico promosso dall’assessore alle Pari Opportunità con il sostegno e il gentile ringraziamento delle super attive associazioni LGBT dell’Emilia-Romagna.

Nel presentare il vademecum per i medici emiliani la Felletti ha spiegato come esso contenga:

“buone pratiche per un atteggiamento non giudicante nel contesto operatore sanitario – paziente. (…)non si parla di un trattamento speciale ma si sottolinea la necessità di una assistenza sensibile alle differenze”.

L’intento – precisa sempre la Felletti – è quello di promuovere dunque

“un atteggiamento consapevole dei pregiudizi, degli errori degli stereotipi” e si pone l’attenzione, soprattutto, sull’analisi del linguaggio: dal 1990 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito l’omosessualità come variante naturale del comportamento umano, ma ancora oggi è verosimile ipotizzare casi di stigmatizzazione o vera e propria avversione da parte dei professionisti sanitari – come suggerisce il report annuale dell’UE (FRA, 2015) – né si può garantire si utilizzino sempre “termini neutri e inclusivi nei colloqui con i pazienti”.

Manuela Macario dell’organizzazione LGBT+ Circomassimo ha ricordato l’importanza del linguaggio in una visione del mondo che dà per scontato che tutte le persone siano eterosessuali, sottolineando la necessità di sensibilizzare a riguardo tutte le professioni mediche del territorio provinciale attraverso un ampio progetto di formazione.

CORSO “EDUCATIVO”

Assieme al libretto, l’iniziativa prevede infatti anche il consueto corso educativo di indottrinamento al gender promosso dal Servizio Sanitario regionale dell’Emilia-Romagna e dall’Università degli Studi di Ferrara in programma per il prossimo 17 gennaio.

Eugenio Di Ruscio, direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliero Sanitaria, ha accolto con entusiasmo il progetto, presentandolo come una doverosa “conquista civile”, affermando:

“Il rispetto delle differenze è la caratteristica di una società che si dica civile, e il quaderno suggerisce una adeguata relazione tra professionisti e i bisogni dei pazienti”

Un entusiasmo condiviso anche dall’assessore regionale alle Pari Opportunità Emma Petitti, che ha lodato il quaderno sanitario LGBT+, dichiarando: “una pubblicazione di portata innovativa che riguarda l’intera società, (…) che testimonia la forza e la capacità di una città che porta nella quotidianità un impegno trasversale contro la discriminazione”.

Discriminazione, stereotipi, differenze, pregiudizi. I vocaboli utilizzati sono sempre gli stessi così come gli obiettivi. Lo scopo evidente è quello di presentare le persone omosessuali come una minoranza perseguitata e priva di diritti al fine di “sensibilizzare” i cittadini alla “causa omosessualista”. ll vademecum per i medici emiliani, presentato come una encomiabile “conquista” del Servizio Sanitario regionale dell’Emilia-Romagna, costituisce nella realtà un pessimo servizio ai propri pazienti che si vedono proprinare giocoforza l’inconcepibile ed anti-salutare “normalità” gay.

“Giornata mondiale contro l’Aids”: sesso omosessuale principale fonte di contagio