La Disney ancora una volta dà il proprio “pesante” contributo al piano di “normalizzazione” LGBT+ attraverso la rappresentazione di personaggi e situazioni gay-friendly.

Questa volta tocca alla Dottoressa Peluche, una popolare serie animata in onda sul canale tematico di Disney Channel, il cui titolo in lingua originale è Doc McStuffins, che ha come protagonista una bambina afroamericana che svolge il ruolo di medico….di giocattoli.

L’episodio, andato in onda lo scorso 5 agosto, che ha suscitato le giustificate polemiche di moltissime genitori, è stato quello che ha avuto come protagoniste due mamme di una “famiglia” LGBT, con tanto di figli.

Disney Junior è stata sepolta dalle proteste di tantissime famiglie indignate e sul web si è puntualmente scatenata una battage mediatico tra contrari e favorevoli, con quest’ultimi che hanno lanciato l’hashtag #StandWithDoc in nome della presunta “normalità” gay.

La propaganda omosessualista conquista dunque spazi sempre maggiori e strategici per portare prepotentemente avanti il suo scellerato piano di “normalizzazione” di ogni devianza sessuale.