La propaganda LGBT come ogni anno sbarca a Venezia. Dieci saranno infatti i film in gara per la decima edizione del “Queer Lion“, il premio collaterale della imminente 73esima Mostra del Cinema. Tra questi, ci saranno quattro pellicole italiane che si contenderanno il titolo di “Miglior Film con Tematiche Omosessuali & Queer Culture”.

I film in gara

Il tema scelto dagli organizzatori per la competizione di quest’anno è legato ai giovani, in particolare, al passaggio all’età adulta, con le difficoltà e le incertezze connesse a questi delicata fase della vita.

Come scrive il quotidiano online La Nuova di Venezia e Mestre, saranno in gara:

“dalle quattro ragazze al centro di “Questi giorni” di Giuseppe Piccioni, alle due coppie de “L’estate addosso” di Gabriele Muccino, ai giovanissimi protagonisti dell’islandese “Heartstone” di Guðmundur Arnar Guðmundsson, ai collegiali dell’australiano “Boys in the Trees” di Nicholas Verso, fino alle “notti selvagge” del protagonista di “Jours de France” dell’esordiente Jérôme Reybaud. Completano la competizione gli italiani “Indivisibili” di Edoardo De Angelis, le tre storie ad intreccio de “Le ultime cose” di Irene Dionisio, i due filippini “The Woman Who Left” del maestro Lav Diaz ed “Ordinary People” di Eduardo Roy Jr., chiude il messicano “La región salvaje” di Amat Escalante, opera forte contro machismo e omofobia”.

L’estate addosso" di Gabriele Muccino

L’estate addosso di Gabriele Muccino

La premiazione

Il premio LGBT Queer Lion 2016 verrà consegnato venerdì 9 settembre alle 19:00 presso la Villa degli Autori nell’ambito di una sontuosa cerimonia con i più importanti premi collaterali. In serata, per festeggiare i 10 anni del Queer Lion, la festa si sposterà nel parco dell’aeroporto Nicelli del Lido di Venezia per il QL Closing Party.
logo2
Il traguardo dei 10 anni del Queer Lion 2016, un premio espressamente dedicato alla migliore pellicola LGBT, nell’ambito della più importante manifestazione cinematografica italiana, dimostra come il processo di promozione e “normalizzazione omosessuale” abbia radici profonde ed appoggi potenti.