Il 25 novembre, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, presso l’Università degli Studi di Perugia è stato inaugurato il primo Sportello Antiviolenza d’Italia, nato grazie al contributo di tante associazioni Lgbt. Così afferma la Professoressa Fornari, Coordinatrice dello sportello:” Si tratta di un servizio universitario riservato agli studenti ma anche al personale docente e amministrativo dell’Università per dare uno spazio di ascolto contro ogni forma di violenza o discriminazione nei confronti delle donne e degli uomini, quindi anche le discriminazioni in base all’orientamento sessuale e identità di genere. Tutti, dunque, potranno rivolgersi gratuitamente allo sportello per chiedere informazioni sui servizi che ci sono sul territorio ma anche per confrontarsi con il personale formato”. E’ da sottolineare che per “personale formato” s’intendono proprio i volontari delle associazioni Lgbt.

Sempre la Fornari afferma :” Questa iniziativa serve per dare un segnale che l’Ateneo è vicino a questi temi e ha interesse che ci sia una tutela delle persone. Potranno dunque anche seguire approfondimenti, formazione o altro, sempre in collaborazione con le associazioni”.

Queste iniziative, gestite dalle associazioni Lgbt, con la scusa di combattere le discriminazioni, in realtà hanno lo scopo di fare propaganda con il beneplacito delle amministrazioni che le organizzano perchè non vogliono essere tacciate di omofobia.